The Classic Old Fashioned Cocktail

Il classico cocktail Old Fashioned

Datemi un drink classico e, per favore, fatelo alla vecchia maniera. E così è nato il nome "Old Fashioned". Il cocktail è una semplice miscela di whisky, amari, soda e zucchero con una storia che risale ai primi anni del 1800, molto prima che la parola "cocktail" esistesse. La prima volta che la parola "cocktail" è stata stampata, il "buon Old Fashioned" era proprio accanto ad essa.

Questo cocktail classico è riapparso più volte nel corso della nostra storia e ogni nuova generazione di bevitori continua a innamorarsi del suo fascino e del suo gusto straordinario.

LA SUA STORIA

Prima dell'avvento delle tecniche avanzate di bartending alla fine dell'Ottocento, esisteva una bevanda nota come Whiskey Cocktail, chiamata anche "sling". Si trattava di un semplice ma sofisticato mix di whisky, amari, zucchero e ghiaccio, guarnito con limone. Questa bevanda veniva utilizzata per curare i postumi della sbornia ed era quindi una caratteristica abituale dei cocktail bar dell'epoca.

Nel corso del tempo, il Whiskey Cocktail subì diverse trasformazioni: i baristi sperimentarono miscele diverse, togliendo o aggiungendo ingredienti, finché il Whiskey Cocktail non divenne un drink completamente diverso. Desiderosi della ricetta originale, i bevitori dell'epoca non riuscivano più a digerire le variazioni e ricorrevano a richiedere il loro cocktail preparato alla "vecchia maniera", da cui è stato coniato il nome attuale.

L'Old Fashioned era una versione così antica del cocktail che quando si parlava di "cocktail" veniva in mente l'Old Fashioned. Ad esempio, la prima documentazione del termine "cocktail" si trova nel numero del 6 maggio 1806 del "The Balance and Columbian Repository di Hudson", New York. L'articolo fu redatto in risposta a una lettera scritta da un lettore che chiedeva al giornale di definire il termine. L'editore del giornale lo definì come "un potente intruglio di liquori, amari, acqua e zucchero", che era essenzialmente la ricetta dell'Old Fashioned. Anche James Edward Alexander fece una descrizione simile del cocktail nel 1833; una miscela di rum, gin o brandy, acqua, zucchero e una guarnizione di noce moscata (quest'ultima era un'aggiunta) era la sua idea di cocktail.

Sebbene sia chiaro che l'Old Fashioned esiste da molto tempo, la sua ricetta è attribuita a un barista del Pendennis, un club per gentiluomini fondato nel 1881 a Louisville, nel Kentucky. Il nome del barista era James E. Pepper. Era un noto distillatore di bourbon e fu il primo a portare l'Old Fashioned al bar del Waldorf-Astoria Hotel di New York. Forse è considerato l'inventore perché il cocktail ha acquisito popolarità dopo la sua introduzione.

UN COCKTAIL BEN NOTO

L'Old Fashioned si diffuse nel 1880, quando i giornali annunciarono che Samuel Tilden si era ritirato dalla corsa elettorale. Il pubblico festeggiò l'evento con l'Old Fashioned e una serie di altri drink.

Quindici anni dopo, il cocktail apparve nel libro Modern American Drinks di George Kappeler. Nel 2015 è stato nominato cocktail ufficiale di Louisville, a conferma della sua popolarità negli Stati Uniti. A tutt'oggi, l'Old-Fashioned rimane in cima alla classifica dei cocktail classici più popolari al mondo.

ALLA VECCHIA MANIERA

Forse uno dei punti di forza del cocktail old fashioned è la semplicità della sua preparazione. Tutto ciò che serve sono bicchiere, acqua, zucchero, whisky, ghiaccio e amari. Ecco alcuni semplici passaggi;

  • Mettere un po' di zucchero in un bicchiere
  • Ricoprirlo con circa due spruzzi di amaro
  • Aggiungere alcuni spruzzi di whisky e una piccola quantità d'acqua, mescolando finché il composto non si scioglie.
  • Aggiungere un pezzo di ghiaccio e mescolare ancora una volta.

Ora sapete come si fa; potete capire quando il barista non lo fa bene. E per di più, potete farlo da soli, alla vecchia maniera!